1. "Non ci fermiamo alle precedenze, ma ci fermiamo alle apparenze;
    abbiamo più punti interrogativi che punti di riferimento.
    Guardiamo tutti le stesse cose, indossiamo gli stessi vestiti,
    mettiamo le stesse scarpe: siamo specchi che non riflettono.
    Prigionieri del presente in un paese senza futuro.
    O reagiamo o ci troveremo a cucire l’orlo del baratro.
    E a quel punto i rimorsi, faranno più male dei morsi."
    — Fedez, quanta verità in poche righe. (via maniruvide)

    (via hoprovatoadimenticarti)

     


  2. "Che fatica dimostrare un’indifferenza che non si prova."
    — Shewillkeepsmiling  — (via ilragazzomezzomorto)

    (via cercavomestessadentroalmare)

     

  3.  


  4. "Ci sedemmo. Lui mi fece spazio tra le gambe poco larghe. Gli poggiavo la schiena sul cuore. Chiuse le braccia intorno a me. Ecco.
    Non c’era niente e c’era tutto."
     


  5. "Forse le avrebbe fatto piacere confidarsi con qualcuno su tutte queste cose. Ma come esprimere quell’inafferrabile malessere che muta d’aspetto come le nuvole, che turbina come il vento? Le mancavano le parole, e l’occasione, e l’ardire."
    — Madame Bovary, Gustave Flaubert (via a-mechania)

    (via cercavomestessadentroalmare)

     


  6. "Certe cose non puoi prolungarle all’infinito. Viene il momento in cui devi strappar via il cerotto. Fa male, ma poi passa e ti senti meglio."
    — John Green, Cercando Alaska (via sonounassolutodisastro)

    (via cercavomestessadentroalmare)

     


  7. "Chi ama, lotta.
    E se non lotta, vuol dire che non ti ama abbastanza.
    Il resto, sono scuse."
     


  8. "Tornai a casa e piansi tutte le lacrime che avevo. E piansi per tutto quello che c’era di sbagliato in me, rendendomi conto che c’era tanto, troppo, per cui piangere."
     

  9.  


  10. "Ho avuto così tanta paura di perderti, che alla fine, ti ho perso davvero."
    — mirko ciancibello. (via your-smile-infinite)

    (via cercavomestessadentroalmare)